J.K. Rowling restituisce un premio per i diritti umani a causa delle sue posizioni transfobiche <span class="bsf-rt-reading-time"><span class="bsf-rt-display-label" prefix="⌚ Tempo di lettura"></span> <span class="bsf-rt-display-time" reading_time="2"></span> <span class="bsf-rt-display-postfix" postfix="minuti"></span></span><!-- .bsf-rt-reading-time -->

rowling-restituisce-premio-diritti-umani-transfobia
Rubrica Psy.LGBT Re.Post

J.K. Rowling restituisce un premio per i diritti umani a causa delle sue posizioni transfobiche

La nota autrice continua a fare notizia per le sue controverse affermazioni sulla comunità transgender

J.K. Rowling, famosa in tutto il mondo per aver scritto la saga di Harry Potter, non retrocede dalle posizioni transfobiche che ha recentemente espresso. Nei giorni scorsi, la scrittrice ha infatti restituito il premio Ripple of Hope all’organizzazione Robert F. Kennedy Human Rights dopo che la presidentessa dell’organizzazione, Kerry Kennedy, ha condannato le sue affermazioni.

Durante il mese di agosto, Kerry Kennedy ha scritto sul sito della sua organizzazione di aver parlato con la scrittrice, esprimendole il forte disappunto provato per i suoi “preoccupanti tweet e affermazioni profondamente transfobici”.

J.K. Rowling, secondo quanto afferma Kennedy “ha scelto di usare le sue grandi doti per creare una narrazione che sminuisce l’identità delle persone trans e non binarie, minando la validità e integrità dell’intera comunità transgender”.

Secondo Kennedy le asserzioni dell’autrice contribuiscono ad alimentare un clima in cui le persone transgender sono già soggette a discriminazione, esclusione, molestie e violenza. Tale clima contribuisce ad alti tassi di mancanza di fissa dimora, rischi per la salute fisica e mentale, e rischio di suicidio per le persone transgender.

Kerry Kennedy conclude la sua dichiarazione evidenziando come i diritti transgender siano diritti umani e dicendo: “gli attacchi di J.K. Rowling contro la comunità transgender sono incoerenti con i valori fondamentali della RFK Human Rights e rappresentano il ripudio della visione di mio padre”.

La risposta di J.K. Rowling

In virtù di quanto scritto dalla presidentessa, J.K. Rowling ha ritenuto di dover restituire il premio ricevuto, e ha risposto tramite una propria dichiarazione pubblicata sul suo sito, dove scrive:

“La dichiarazione dell’organizzazione suggerisce erroneamente che io sia transfobica, e che sia responsabile di ferire le persone trans. Rifiuto assolutamente l’accusa di odiare le persone trans o augurar loro il male, o che difendere i diritti delle donne sia sbagliato, discriminatorio, o inciti alla violenza verso la comunità trans”.

L’autrice continua però la dichiarazione reiterando le sue idee, secondo le quali ad esempio accettare che le donne transgender utilizzino il bagno delle donne sarebbe pericoloso, o che i bambini verrebbero convinti a transizionare senza essere transgender.

Conclude scrivendo: “nessun premio o onorificenza vale così tanto per me da abbandonare il diritto di seguire quello che detta la mia coscienza”.

Fonte: https://www.lgbtqnation.com/2020/08/j-k-rowling-return-civil-rights-award-spouted-off-transphobia/

Iscriviti al nostro canale Telegram per rimanere aggiornato sulle notizie della rubrica Re-Post!

Leave your thought here

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto è protetto.
it_ITItalian
it_ITItalian
Select the fields to be shown. Others will be hidden. Drag and drop to rearrange the order.
  • Immagine
  • SKU
  • Valutazioni
  • Prezzo
  • Magazzino
  • Disponibilità
  • Aggiungi al carrello
  • Descrizione
  • Contenuto
  • Peso
  • Dimensioni
  • Additional information
  • Attributi
  • Custom attributes
  • Custom fields
Comparatore
Lista desideri 0
Apri la Lista desideri Continua lo shopping