Anche in Europa la carta di credito per persone transgender e non binarie <span class="bsf-rt-reading-time"><span class="bsf-rt-display-label" prefix="⌚ Tempo di lettura"></span> <span class="bsf-rt-display-time" reading_time="2"></span> <span class="bsf-rt-display-postfix" postfix="minuti"></span></span><!-- .bsf-rt-reading-time -->

La nuova carta di credito per persone transgender
Rubrica Psy.LGBT Re.Post

Anche in Europa la carta di credito per persone transgender e non binarie

La nuova carta pensata per le persone transgender recherà il nome scelto

La società americana Mastercard promuoverà la diffusione della nuova carta in tutta Europa entro la fine dell’anno. Si chiama True Name, cioè “vero nome”, ed il suo obiettivo è consentire a tutti di avere il nome che corrisponde alla propria identità di genere su uno dei più comuni mezzi di pagamento.

La carta è già stata lanciata negli Stati Uniti ed ha riscosso un grande successo, come prevedibile. Per molte persone transgender e non binarie, l’uso di documenti o mezzi di pagamento che mostrano il nome assegnato loro alla nascita è fonte di disagio e malessere.

Avere la possibilità di utilizzare il proprio nome scelto dovrebbe essere un diritto, ma spesso non viene garantito. Per questo, l’iniziativa pensata dalla società americana si dimostra importante per molte persone, e un esempio da seguire.

Perché il nome d’elezione è così importante:

In vari paesi europei, tra cui l’Italia, cambiare il proprio nome è un processo lungo e irto di ostacoli per le persone transgender, e quasi un’utopia per le persone non-binary. Molte persone fanno però fatica a cogliere quanto avere il nome sbagliato possa condizionare la vita quotidiana.

Essere costretti a mostrare un nome sbagliato sui documenti d’identità e ogni altra cosa a sé intestata (come le carte di credito) è invalidante e fonte di malessere. Ma non solo. Le persone transgender sono così costrette a subire continui outing, o a dover fare preventivamente coming out per l’impossibilità di tenere nascosto quel nome che non è il loro.

Questo incide su ogni aspetto della vita. Essere continuamente esposti in quanto persone transgender porta svantaggi reali nella nostra società, per via di pregiudizi duri a morire. Porta inoltre il rischio di subire discriminazioni, abusi e violenze.

Per questi motivi, è evidente quanto sia indispensabile che il diritto all’uso del nome scelto divenga la norma, e non un favore o una concessione.

Fonte: Comunicati Stampa Mastercard

Iscriviti al nostro canale Telegram per rimanere aggiornato sulle notizie della rubrica Re-Post!

error: Il contenuto è protetto.
it_ITItalian
it_ITItalian
Select the fields to be shown. Others will be hidden. Drag and drop to rearrange the order.
  • Immagine
  • SKU
  • Valutazioni
  • Prezzo
  • Magazzino
  • Disponibilità
  • Aggiungi al carrello
  • Descrizione
  • Contenuto
  • Peso
  • Dimensioni
  • Additional information
  • Attributi
  • Custom attributes
  • Custom fields
Comparatore
Lista desideri 0
Apri la Lista desideri Continua lo shopping